Siti Dinamici

Cos’è un sito dinamico

Tecnicamente si dice che i siti dinamici “si servono di un database per l’aggiornamento”.
Per i comuni mortali si tratta di contenitori apparentemente vuoti, che il cliente può riempire e modificare a piacimento. Per far ciò, graziaddio non deve studiarsi il codice (ossia l’impalcatura prefabbricata dal webmaster): basta che il cliente conosca word, writer e soci perché l’interfaccia è molto simile ai più noti programmi di videoscrittura. Con questa interfaccia “friendly” si può predisporre una formattazione di base, si possono inserire immagini, link o filmati.

Sistema open o sito proprietario?

Molti webmaster vi consiglieranno il contrario, ma personalmente io sono più favorevole ai sistemi open, ossia: piattaforme libere, in massima parte gratuite, sviluppate ed aggiornate costantemente da un numero enorme di nerd (me incluso) e personalizzabili in maniera rapida, snella ed economica.
I siti proprietari vengono invece sviluppati specificatamente per un cliente. Danno forse maggiore sicurezza, ma sono più lenti, macchinosi e costosi per sviluppare qualsiasi personalizzazione successiva. E soprattutto vi legano allo stesso webmaster fino alla fine dei vostri giorni. Questa è la ragione principale per cui i webmaster ve lo consigliano così caldamente.

Quale sistema open?

Personalmente, utilizzo e consiglio WordPress, che non a caso è l’interfaccia più diffusa negli Stati Uniti. Essenzialmente per tre motivi:

  • flessibilità (il sistema nasce come interfaccia per i Blog, ma può essere usato in qualsiasi modo, fino quasi a sembrare un sito statico)
  • semplicità d’uso (interfaccia tipo word, molto moderna e flessibile)
  • gratuità (il lavoro che dovete affidare al webmaster – me! – si riduce alla costruzione di un template, ovvero alla personalizzazione dell’aspetto estetico, oltre all’installazione della struttura di base, ovvero delle pagine principali).

 

Particolarmente adatto a

  • chi deve fare aggiornamenti continui (sennò spenderebbe una fortuna per qualsiasi sciocchezza)
  • piccole redazioni (è possibile impostare anche una gerarchia a seconda del tipo di interventi)
  • chi vuole gestire completamente, velocemente ed in autonomia il proprio lavoro.

 

Usare wordpress

Per ottenere i massimi risultati da WordPress (ed evitare pasticci :S), è utile seguire un minicorso di formazione (roba da un’oretta al massimo). Accedendo all’area riservata di questo sito troverete qualche filmato illuminante dei corsi che metto a disposizione dei miei clienti. Ah, giusto dovete essere clienti. Per chi non è cliente, inserirò presto qualche video free. Si va dai tre minuti in su: le possibilità crescono con la voglia e il tempo a vostra disposizione. Vi assicuro però che in poco tempo inserirete gallerie fotografiche, filmati, calendari eventi, aggiungerete pagine, sottopagine, menu e tutto quello che vi suggerisce la fantasia. Mettetevi alla prova.

E se detestate i tutorial on line, sono anche disponibile a spiegarvi un po’ di cose su Skype. Contattatemi via email per prenotarvi.

 

Alcuni esempi di siti dinamici che ho fatto:

3 risposte a Siti Dinamici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *