social network

Aggiunto Video “primi Passi su Twitter”

logo twitter acidoSu richiesta di un mio cliente ho pubblicato nell’area riservata un breve tutorial sull’utilizzo di twitter. Se desiderate ottenere l’accesso all’area riservata potete contattarmi qui

Social Marketing Specialist

Il crollo della rete fastweb fino alle 12 di oggi mi ha permesso di trovare il tempo per aggiornare il sito. Ecco a voi la nuova pagin sul social marketing.

Social Marketing

Alzi la mano chi non ha un profilo Facebook.
Alzi ora la mano chi ha un profilo aziendale, una fan page, un canale youtube o una pagina twitter o linkedin riferiti alla propria attività.
Beh, chi non ha alzato la mano dovrebbe affrettarsi, perché (sinora) è a costo zero e – soprattutto – la concorrenza lo fa già. Ma per fortuna molti si limitano a costruire una fan page sperando che si autoalimenti e porti contatti a pioggia, e solo in pochi mettono in atto delle vere strategie
di social marketing.

 

Esserci per primi

La domanda non è se bisogna essere presenti sui social o no, ma come esserci per primi, in
modo da garantirsi un vantaggio competitivo.
E soprattutto come innescare delle strategie profittevoli di marketing, perchè nei social non è il brand che deve attirare le persone, ma sono le persone che devono costruire il brand. Parlandone, consigliandolo, riportando casi di successo che li hanno coinvolti personalmente. E funziona alla grande: pensiamo solo a quanta
gente compra su ebay fidandosi solo dei feedback positivi.

 

Siate 2.0

Ma perché questo avvenga, dobbiamo partire dal sito web, ottimizzandolo e aggiornandolo al web 2.0.
Poi dobbiamo cominciare a pensare 2.0, per eliminare l’odiosa dicotomia cliente/venditore ed abbracciare la logica di una community di “amici” uniti da un interesse comune, reale o potenziale.
Per far questo esistono trucchi e strategie che vanno calibrate in base al brand, al prodotto, al target di riferimento e ai vostri obiettivi.
Ma per fortuna, ci sono io ad assistervi 😉
Anche perchè il social marketing è una materia dinamica: le regole cambiano di continuo e richiedono un monitoraggio quotidiano, per evitare le trappole che tendono i gestori e per sfruttare le sacche di intervento che si liberano volta per volta.

Aggiunta la sezione video per Youtube

logo youtube acidAggiunta la sezione di video ottimizzati per la visione su Youtube, con i miei consigli per ottenere attenzione ed essere seguiti.

Video per Youtube

Il motore di ricerca più cliccato dopo Google è Youtube. E non c’è da sorprendersi, visto che il linguaggio visuale è ormai imprescindibile per qualsiasi forma di prodotto editoriale, promozionale e di comunicazione. Web e multimedia vanno da sempre a braccetto: cresce l’uno, cresce l’altro. E con la diffusione di connessioni a banda larga, i contenuti multimediali on demand stanno spopolando. Si vende di più con la promozione indiretta dei tutorial amatoriali che con mille video istituzionali. Dal trucco al montaggio di mobili, dalla prova di uno strumento musicale alla scelta di un’applicazione per Mac. Tutto si cerca su Youtube, perché è facile, immediato, diretto…e testato.
Ecco perché ho riconvertito la mia passione per il montaggio video in digitale nella specializzazione in montaggio di video diretto allo streaming su Web.

Come ottimizzare un video per lo streaming su Web o su Youtube

Si parte dai contenuti. Parlare sul web e per il web significa essere diretti, franchi e immediati. E soprattutto sintetici. Dev’essere anche eliminato tutto ciò che appesantisce la grafica. I contenuti vanno quindi studiati in modo da ottenere la massima fluidità e mantenere alta la soglia di attenzione del visitatore. Nel video qui sotto sentite un jingle veloce (a proposito, le musiche stile Starsky e Hutch sono mie 😉 e una contestualizzazione del parlato tramite titoli che fissano i concetti chiave.

Tre minuti

Lo dicevano pure i Negramaro: in tre minuti si possono dire un sacco di cose intelligenti, oppure un sacco di baggianate. Attenti quindi ai contenuti, perché su Youtube è meglio non superare mai i tre minuti (massimo cinque per i contenuti più importanti, ovviamente secondo la prospettiva del visitatore). Perché proprio tre minuti? Beh, voi quanto tempo dedichereste a un video su youtube prima di cominciare a guardare le posta, mandare messaggini o fissare un punto nel vuoto?  😉

 

Aperto canale Twitter

logo twitter acidoFioriscono icone Social sul mio sito, oggi è stata la volta di twitter (paolomazzagardi). Da qui potete seguire tutti gli aggiornamenti del sito. Lo so twitter è poco diffuso perchè in Italia siamo dei chiacchieroni Facebokkari, ma ritengo che abbia i suoi sporchissimi perchè!!!

Canale Youtube e Sezione Video

logo youtube acidHo predisposto il canale youtube (paolomazzagardi) e la sezione dei Video Corsi.

Mi sono ricordato anche dei principianti assoluti proponendo una guida che insegna come visualizzare al meglio i video (la dedico a mia Mamma! 😀 ). La stessa dura pochissimo e, a mio modesto parere conviene anche ai semi-pro 😉 .

Pian piano sto aggiornando anche l’area riservata, i video da caricare sono tanti, per cui un po’ di pazienza…

Chi Sono

Che vuol dire “Multimedia, Web e Social Marketing specialist”?

Vuol dire mettere a fattor comune varie competenze acquisite in campi diversi e proporsi come consulente multimediale a 360 gradi per imprese e per privati.
Le tre anime del mio lavoro (Multimedia, Web e Social Network) implicano tre diverse aree di competenza, che spesso si compenetrano tra di loro in un progetto di consulenza globale.

Area Multimedia:

Area Web Design, SEO e DAO:

  • consulenza, progettazione, realizzazione grafica ed informatica di siti web statici, dinamici e portali
  • analisi e potenziamento del SEO (search engine optimisation)

Area Social Marketing:

Forse avrei potuto dire che mi occupo di comunicazione 2.0, ma vuoi mettere come suona “Multimedia, Web e Social Marketing specialist”? 😉

Se la pensi diversamente scrivilo qui sotto.  Scrivi anche se sei d’accordo!